Dove fare shopping a Firenze

A Firenze lo shopping va fatto con le gambe, ma soprattutto con la testa. Perché le zone e le vie dello shopping di Firenze hanno tutte una loro precisa proposta commerciale con una tradizione che si perde nei secoli dei secoli. Una proposta di ampissimo respiro che spazia dall’antiquariato alla moda e al lusso, dall’artigianato in pelle, legno e vetro alle lavorazioni delle ceramiche e del ferro battuto, dall’abbigliamento casual ai prodotti della gastronomia toscana. Ma ciascuna categoria merceologica ha una sua zona di competenza: conoscerle significa fare uno shopping mirato ai propri desideri e bisogni.

Lo Shopping di lusso è in Via de’ Tornabuoni

I negozi di alta moda e di oggetti di lusso a Firenze sono concentrati tra via della Vigna Nuova, via de’ Tornabuoni e via de’ Calzaiuoli. Qui si trovano gli showroom dei maggiori stilisti della moda Italiana e internazionale. Via de’ Tornabuoni è da tutti considerata il salotto buono con le grandi firme della moda e della gioielleria. Via Tornabuoni è fin dal 1300 un’area residenziale signorile e nobile, dove ancor oggi abitano gli eredi de gli Strozzi o degli Antinori. Molto chic sono anche via del Parione con atelier e botteghe artigianali di pezzi unici di sartoria, e via Roma vicino al Duomo con preziose boutique di lusso.

Shopping casual e outlet

Per lo shopping più commerciale, casual, giovane sempre di moda ci sono diversi store nella zona compresa tra la stazione di Santa Maria Novella e il Duomo. In via dei Calzaiuoli, via dei Cerretani, via dei Banchi e lungo via Calimala sono presenti i grandi magazzini come Coin, H&M, Zara e laRinascente.
Nei dintorni di Firenze hanno aperto negli anni molti outlet, come quello di Campi Bisenzio in direzione di Prato o The Mall a Reggello. Lungo l’Autostrada A1 sono presenti outlet di alcuni stilisti, Gucci, Prada, Dolce & Gabbana, Armani, La Perla e Yves Saint Laurent.

Tra antiquariato, gioielli e manufatti in pelle

Chi fosse in cerca di antiquariato può spostarsi tra via dei Fossi che arriva sul Ponte alla Carraia e via Maggio in Oltrarno dopo il Ponte a Santa Trinità. Qui si trovano i maggiori antiquari di Firenze con pezzi unici dell’arte rinascimentale, mobili e suppellettili del Settecento e Ottocento, splendide e costose rarità. I gioielli dell’antica tradizione fiorentina sono esposti nelle vetrine di Ponte Vecchio. Nelle piccole botteghe si trovano gioielli di tutti i tipi e fatture, in oro e argento, con pietre preziose e pietre dure, collane, bracciali, orecchini e anelli prodotti da artigiani a cui è stata tramandata una tradizione secolare.

I prodotti artigianali più tipici di Firenze sono sicuramente i manufatti in pelle. Negozi di articoli in pelle a Firenze sono presenti soprattutto nella zona di Santa Croce e di San Lorenzo. In Santa Croce si può visitare la Scuola del Cuoio, adiacente alla Basilica di Santa Croce, dove è possibile ammirare gli artigiani all’opera. Borse, cinture, cappelli, scarpe, capi d’abbigliamento ma anche oggetti e souvenir in pelle e cuoio si possono acquistare  al mercato di San Lorenzo che è chiuso solo la domenica e il lunedì.

Una passeggiata tra le botteghe artigiane dell’Oltrarno

Chi cerca gli artigiani all’opera deve assolutamente superare il fiume e andare in Oltrarno. Qui è già più difficile individuare zone merceologiche perché è un’area dove da sempre hanno aperto i loro battenti botteghe artigiane di tutti i tipi: di oggettistica in tutti i possibili materiali, vetro, legno e ferro; di capi d’abbigliamento su misura e negozi di tessuti; di oggetti d’argento e mosaici; di restauratori e rilegatori di opere d’arte e atelier artigianali di broccati, sete e damascati. Nei quartieri di Santo Spirito e di San Frediano in Oltrarno vecchie e nuove insegne invitano i turisti a entrare, a guardare, toccare, ammirare e ovviamente a comprare. L’arte degli intagliatori, dei cesellatori, dei forgiatori, dei sarti è tutta lì, davanti agli occhi di chi varca quelle soglie.

A spasso per i mercati di Firenze

Da non perdere sono anche i mercati di Firenze. Oltre al già citato Mercato di San Lorenzo, il regno dei prodotti in pelle, da visitare è sicuramente il Mercato Nuovo sotto la Loggia del Porcellino vicino a Ponte Vecchio. Dopo aver accarezzato in segno di buon auspicio il muso della statua del maialino ci si perde nei viali del mercato tra banchi di artigianato fiorentino, prodotti in pregiata carta, ceramiche e pelli. Per i più giovani o per puro divertimento in piazza dei Ciompi tutti i giorni c’è il Mercato delle Pulci dove oltre a tantissime amenità si trovano ottimi pezzi d’antiquariato. Alle Cascine lungo l’Arno il martedì mattina c’è il Mercato delle Cascine, con soprattutto vestiti, stoffe, scarpe, ma anche prodotti alimentari. Al Mercato Centrale nei pressi di piazza San Marco, sui due piani coperti sono soprattutto l’alimentare e la gastronomia a dominare la scena. Un altro mercato coperto, caratterizzato da una struttura della seconda metà dell’800 con un magnifico tetto in ferro e ghisa, è il Mercato di Sant’Ambrogio, con generi alimentari e casalinghi. L’artigianato etnico lo troverete invece ogni seconda domenica del mese in piazza di Santo Spirito.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *