Guida ai piatti tipici fiorentini

In Toscana e a Firenze il culto della buona cucina e della buona tavola arriva da lontano. Le antiche tradizioni contadine che vivevano nei piatti tipici preparati con prodotti semplici e secondo ricette d’antica memoria, sono state riscoperte nella seconda metà del Secolo scorso e oggi sono tra le leccornie e le prelibatezze che si possono gustare nelle trattorie e nei ristoranti di Firenze.

Le ribollite, la pappa col pomodoro, il pancotto, i fritti misti di verdure cervella e fegatelli di maiale, fino alle mitiche fiorentine e i dolci di farina di castagno, sono i piatti tipici della cucina toscana, così apprezzata da sempre anche da signori, nobili e borghesi. Il tutto, naturalmente, accompagnato dal pane toscano senza sale, dall’olio extra vergine di oliva e dai vini delle colline del Chianti e del Mugello.

La cucina toscana in generale è espressione della dieta mediterranea, ricca di prodotti genuini, verdure, frutta, carne, pesce, selvaggina, che vanno a creare pietanze sempre saporite e poco speziate, dove il sapore delle materie prime si esalta anche grazie al pane toscano così unico e particolare.

Un tipico pranzo fiorentino

Nelle centinaia di trattorie e ristoranti di Firenze si trova tutta la tradizione gastronomica regionale, dall’antipasto al dolce. Un tipico pranzo fiorentino inizia con un antipasto di salumi, dell’olio toscano e dalla fettunta, la fetta di pane insaporita con sale, olio e fegato di coniglio. La scelta tra i primi piatti non può prescindere dal gustare la pappa col pomodoro, pane raffermo con aglio, olio, polpa di pomodoro e peperoncino, oppure la ribollita, una zuppa di verdure e pane raffermo cucinata almeno 24 ore prima di essere servita. Tra i secondi piatti, oltre alla bistecca di bue di ottima qualità alta almeno 5-6 centimetri e solo scottata da ambo i lati, la famosa bistecca all fiorentina, da non perdere sono la trippa al sugo e il lampredotto, che si gusta anche presso alcuni chioschi lungo le vie cittadine. Per i dolci tipici, oltre il castagnaccio, da non perdere è la schiacciata alla fiorentina, un dolce semplice a base di farina, lievito, strutto, uova, zucchero e scorza d’arancia grattugiata.
Un capitolo a parte meritano ovviamente i salumi toscani, serviti generalmente come antipasto. Tra i prodotti più famosi e presenti sulle tavole delle trattorie fiorentine, la Finocchiona, un insaccato di carne di maiale con semi di finocchio e bagnata nel vino rosso, le mitiche salsicce di cinghiale, il più classico salame toscano, il prosciutto conservato sotto sale, la spalla con osso o il capocollo al finocchio selvatico.

Un breve excursus tra i più famosi ristoranti di Firenze

Ristoranti tipici si trovano in tutta Firenze. Tra i più famosi e curiosi si possono citare il Ristorante dei Frescobaldi in via dè Magazzini, che partendo dai vini delle loro pregiate cantine hanno allestito due sale molto riservate dove gustare la cucina tipica toscana; la Trattoria Del Fagioli in corso Tintori, dove sia l’accoglienza che la cucina, entrambe a gestione familiare, garantiscono di gustare tutto il sapore della tradizione culinaria fiorentina; l’Osteria Caffè Italiano, un ristorante in via Isola delle Stinche, ospitato nel palazzo Salviati del Trecento, molto ligio alle tradizioni con un deciso tocco di modernità; Da Oliviero in via delle Terme, un ristorante di vecchia data, molto apprezzato per il connubio tra cucina tradizionale e fantasia ai fornelli.

Nelle vie un po’ fuori dal centro si possono gustare piatti e portate spendendo un po’ meno, ma che non hanno nulla da invidiare alle prelibatezze preparate dagli chef dei ristoranti del centro storico di Firenze.

A caccia di prodotti tipici, tra salumerie tradizionali e mercati cittadini

Fare shopping gastronomico a Firenze è una delizia per la vista e per il palato. Nei numerosi negozi specializzati in piatti pronti tipici e nelle salumerie, si respira tutta l’aria della tradizione culinaria toscana, con i salumi e i formaggi sempre freschi, le verdure di stagione coltivate nelle immediate vicinanze della città. Ottime gastronomie si trovano nel salotto buono di Firenze in via de’ Tornabuoni, così come in tutte le vie intorno al Duomo. Anche nei mercati cittadini e in particolare nei mercati di San Lorenzo e di Sant’Ambrogio, le prelibatezze della cucina tipica toscana sono alla portata di cittadini e turisti.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *